Il giallo di loredana bertè

Andare in basso

Il giallo di loredana bertè

Messaggio  Admin il Mer Feb 27, 2008 3:05 pm

Adnkronos - Mer 27 Feb - 08.02

Sanremo, 26 feb. (Adnkronos/Ign) - Sanremo 2008 riprende quota con il secondo atto, che aumenta il ritmo e accorcia i tempi. In una serata dominata in buona parte dal 'giallo' Bertè, che si risolve con un'esibizione travolgente e liberatoria poco prima delle 23. Ma il colpo di scena, in un festival che insiste sul clima pre-elettorale, è il contratto di Pippo Baudo con gli italiani. Piero Chiambretti costringe infatti il conduttore-direttore artistico alla firma facendolo sedere ad una scrivania che allude chiaramente a quella di 'Porta a Porta' dove il contratto lo firmò Silvio Berlusconi. "Quella di Vespa era di mogano, questa è di Del Noce". Un contratto incentrato naturalmente sulle 'riforme sanremesi'. Manca circa mezz'ora alla diretta quando Loredana Bertè, prevista in scaletta come ultima cantante in gara, manda in fibrillazione lo staff del festival con un 'ultimatum': "O canto per prima o non canto". Autori e conduttori tentano una modifica in extremis alla scaletta che a quel punto appare molto complicata e che forse non consentirebbe nemmeno alla stessa Bertè di raggiungere in tempo il teatro.

In extremis viene raggiunta una mediazione, che tutti sperano sia quella risolutiva ma nessuno ne ha certezza: la cantante dovrebbe arrivare all'Ariston alle 22 per cantare alle 23. Ma alle 22 ancora non c'è e Baudo e Chiambretti esplicitano la suspance in diretta: "Ma quando arriva?", chiede Piero. "Quando arriva, arriva, la facciamo cantanre subito", risponde Baudo. Il giallo dura ancora una mezz'ora, poi Baudo annuncia: "Ci siamo" e alle 22.40 Baudo accoglie la cantante sul palco. Loredana, tutta in bianco e nero, avvolta da un lungo spolverino nero imbottito con cappuccio da cui esplode una gonna di tulle bianco, pur con passo incerto sulla scalinata dell'Ariston, non delude le aspettative. "Sei bellissima", esordisce Baudo. "Li disegno io i miei vestiti. Questo l'ho cucito stanotte. Questo è il cuscino dell'albergo", aggiunge mostrando a Baudo l'imbottitura del cappuccio. "Volevo ringraziare i microfonisti e un caro amico: caro Gino Landi, ti amo. Volevo fare una bella lezione di catechismo, la madre di tutte le battaglie come ce l'hanno raccontata", dice Loredana prima di cantare. Poi, finita la toccante esibizione, attacca: "A noi cantanti ci prendono a calci in culo. Ci trattano come saltimbanchi". Baudo la raggiunge di nuovo sul palco e la abbraccia, quasi a sostenerla. Arriva pure Chiambretti che la saluta e che la Bertè ricambia con un bacio sulla bocca.

La seconda serata segna anche l'esordio festivaliero di Bianca Guaccero, che appare più brillante, disinvolta ed aggressiva della collega Andrea Osvart. Grandi applausi per i Duran Duran, che tornano all'Ariston ad oltre vent'anni dal 'debutto' del 1985, spiccano per qualità della scrittura Mario Venuti, per la voce Mietta e per la forma strepitosa Little Tony, che torna all'Ariston dopo il collasso che lo ha colpito nel 2006 durante un concerto in Canada e che festeggia i 50 anni di carriera. Notevole ma poco festivaliero anche Tiromancino, tra le esibizioni più attese della seconda serata, insieme a quella di Sergio Cammariere.

Admin
Admin

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 26.02.08

Visualizza il profilo dell'utente http://tzouliaalexandratou.elencoforum.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum